Roadkill

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Roadkill di Aliza Brugger

(USA 2020, 15’), v.o. Inglese, sott. italiano

La vita di Tillie, una giovane donna il cui lavoro consiste nel liberare le strade dagli animali uccisi dalle auto, viene destabilizzata quando Wanda, una vivace sconosciuta, arriva in città.

Gran parte storia raccontata in “Roadkill” si basa sull’esperienza vissuta della regista, da persona queer in una comunità rurale della classe operaia.

“Quando ero una ragazza – racconta Aliza Brugger – non solo non mi sono mai vista rappresentata nella mia comunità, ma non mi sono mai sentita rappresentata nei media. I personaggi bizzarri sembravano esistere al sicuro solo nelle metropoli ricche. Così, durante il liceo, ho negato la sessualità che pensavo mi avrebbe tradito in un mondo rurale. Poi, al college, ho tagliato i legami con le mie radici per studiare la mia queerness. Dopo anni di lotta, definizione, rimodellamento e finalmente accettazione di quella stranezza, sono tornata alla fattoria dei miei genitori per collegare queste due enormi parti di me stessa. Ho imparato che non solo potevano coesistere, ma che addirittura si completavano. Il mio obiettivo con Roadkill è dimostrare che la sessualità non deve esistere separatamente dallo status o dalla posizione economica”

Biografia della regista
Aliza Brugger è una produttrice, regista e sceneggiatrice con sede a New York, originaria del Nebraska. Ha ricevuto il suo MFA in regia alla Columbia University, dove ha scritto, diretto e prodotto numerosi lungometraggi, pilot televisivi e cortometraggi che sono stati proiettati nei festival di tutto il mondo. Aliza ama esplorare i temi della sessualità, dei rapporti tra donne, della natura e della distopia. Il suo obiettivo come regista è creare storie che colleghino gli spettatori all’immagine, gli uni agli altri e al mondo.

Roadkill by Aliza Brugger

(USA 2020, 15’), v.o. English sub. Italian

Roadkill is about Tillie, a lonely roadkill removal worker whose life is destabilized when Wanda, a lively stranger, comes to town. Much of Roadkill is based on the experience of being queer in a working class, rural community. When I was a girl, not only did I never see myself represented in my own community, but I also never felt represented in the media. Queer characters only seemed to exist safely in the wealthy, metropolises. So, through high school, I denied the sexuality that I thought would have betrayed me in a rural world. Then, in college, I cut ties with my roots in order to study my queerness. After years of struggling, defining, reshaping and finally peacefully resting in that queerness, I returned to my parents’ farm in order to connect these two enormous parts of myself, my ruralness and my queerness. I learned that not only could they coexist, but that they complimented, even elevated one another. My goal with Roadkill is to show that sexuality doesn’t have to exist separately from economic status or location.

Director Biography
Aliza Brugger is a New York City based producer, director and screenwriter originally from Nebraska. She received her MFA in filmmaking from Columbia University where she has written, directed and produced several features, TV pilots and short films that have screened in festivals all over the world. Aliza enjoys exploring themes of sexuality, female connection, nature and dystopia. Her goal as a filmmaker is to create stories that connect viewers to the image, to each other and to the world.

Go to Top