Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Orpheus´Song di Tor Iben
(Germania, 2018, 73) v.o. tedesco sott. inglese e italiano 
Anteprima Italiana

Due ragazzi berlinesi si perdono durante un’escursione in un’isola greca. Incontrano una creatura misteriosa che dice di chiamarsi Ercole e fanno uno strano sogno. Il giorno successivo niente è più come prima.

Il film è un road movie, una “Odissea”, che apre un nuovo mondo interno ed esterno ai due protagonisti e affronta il potere delle immagini collettive e dei miti. Attraverso l’iconografia dell’antichità scopriamo che ci sono state epoche con credenze e valori molto diversi dalla nostra e con una differente visione della sensualità e della sessualità. Questo film è una guida, un segno, uno sguardo in quella direzione, niente di più.

“Orpheus`Song” è anche una favola erotica, è un inno all’amore per la vita. Il film non è solo un viaggio in un altro posto, è anche un viaggio in un’altra epoca dalla quale possono giungerci messaggi “rinfrescanti”.

ORPHEUS‘ SONG by Tor Iben
(Germany, 2018), 72’, v.o. German, sub. English and Italian
Italian Preview

Two young men from Berlin win a trip to Greece. On an excursion they get lost on the island, they reach an abandoned village and have an encounter with a mysterious musician, who calls himself: Hercules. They spent the night in a cave and make a strange dream. On the next day, nothing is like it was before… 

The film is a road movie, an “Odyssey“, that opens up a new internal and external world to the travellers and deals with the power of collective images, myths and stories. Through the iconography of antiquity we encounter very different ideas about life: amoral, in the best sense. The film is a modest hint, that there have been very different ages with very different beliefs and values and a very different view toward sensuality and sexuality. This film is a guidepost, a sign, a glimpse in that direction – not more.

“Orpheus`Song” is an erotic fairytale, it is about the love of life. The film is not only a trip to another place, it is also a trip to another time and to what that time is saying to us, if we listen carefully. Or are we only hearing ourselves, like “Echo” the nymphe? A look back into antiquity can always be refreshing.