Programma completo sezione cinema 2011

Scarica il programma completo in PDF

Venerdì 25 novembre 2011
Sabato 26 novembre 2011
Domenica 27 novembre 2011
Lunedì 28 novembre 2011
Martedì 29 novembre 2011
Mercoledì 30 novembre 2011
Giovedì 1 dicembre World AIDS Day 2011

CINEMA ODEON, Piazza Strozzi – FIRENZE
TEL. 055 21.40.68

 Venerdì 25 novembre

ore 15.15

Der Tod der Maria Malibran

di Werner Schroeter (Germania, 1972) 104′ v.o. tedesco con sott. Italiano. In collaborazione con il Goethe-Institut Mailand

La figura storica della cantante Maria Malibran è il punto di partenza per una rete fitta di rimandi e allusioni a Goethe, Lautréamont, Elvis Presley e Janis Joplin. Una serie di tableaux vivants che illustrano la vita e la morte della più celebre cantante d’opera del diciannovesimo secolo.

[nggallery id=7]

ore 17.00

William Burroughs: the Man within di Yony Leyser

( USA 2009) 87’ v.o inglese con sott. italiano
Il documentario di Yony Leyser analizza la vita, le opere e anche i lati oscuri del leggendario autore americano. Le immagini raccolte attraverso un vastissimo archivio, sono raccontante da Peter Weller, che fu il protagonista della versione cinematografica de Il Pasto Nudo, e si avvale di una colonna sonora firmata da Sonic Youth e Patti Smith.[nggallery id=40]

ore 18.30

Mondo Lux

di Elfi Michesch (Germania 2011) 93’ v.o tedesco con sott. italiano
In collaborazione con il Goethe-Institut Mailand (In Anteprima Nazionale)
Un ritratto degli ultimi quattro anni di vita di Werner Schroeter, uno dei piu´importanti registi del cinema e del teatro sperimentali. Ne esce il profilo di una personalita´ complessa e visionaria, attenta al lato oscuro della vita umana, esplorata da un punto di vista dichiaratamente gay, e in cui la dimensione estetica svolge un ruolo determinante.[nggallery id=22]

ore 20.30

Inaugurazione con Il trionfamento del Noi

a seguire

The Lady is dead

di Roy Raz ( 2010) 4.39’ (In Anteprima Nazionale)
Un’opera video che non nasce come videoclip commissionato per la canzone In this shirt degli Irrepressibles, che è stata semplicemente scelta dal regista per accompagnare le immagini. Un filmato onirico e surreale, con un forte impatto estetico, avente per fulcro l’amore omosessuale.[nggallery id=44]

I Won’t Let Go

di Roy Raz (2011) 4’ (In Anteprima Nazionale)
L’assurdo mondo ultrastilizzato del regista, popolato da personaggi-modelli in interni sofisticatissimi e in esterni fortemente artificiali, illustra la costruzione chirurgica di un corpo femminile con forature inquietanti, alternandola a enigmatici tableau vivant che ibernano i performer e a scorci outdoor che culminano in una meravigliosa pioggia di pasticcini. Alla presenza del regista[nggallery id=45]

ore 21.30

Fit

di Rikki Beadle Blair (Gran Bretagna 2010) 108’ v.o. inglese con sott. Italiano
La storia di sei teenager inglesi “difficili” che frequentano una corso di danza alle superiori. I giovani si interrogano sulla propria sessualità e le lezioni di ballo diventano incontri terapeutici sulla diversità, sui sentimenti repressi, sulla paura del coming out e sul come confrontarsi con gli altri e in famiglia. Rikki Beadle-Blair esplora il concetto di omosessualità con un gioioso omaggio al ritmo, alla recitazione, alla danza, alla vita. Alla presenza del regista.[nggallery id=11]
Torna su (TOP)

 Sabato 26 novembre

ore 15.00

Soi Cumbio

di Andrea Yannino (Argentina 2011) 76’ v.o. spagnolo con sott. Inglese/italiano (In Anteprima Nazionale)
L’indipendenza che i giovani hanno ottenuto con l’avvento del web è stata decisiva per l’emergere del fenomeno dei flogger, che in Argentina ha creato una versione particolare di social network capace di lasciare segni profondi in una generazione di adolescenti cresciuti all’interno di una cultura digitale fatta di computer e cellulari. Tra tutti quei pixel, la voce di Cumbio ha sfondato diventando personaggio pubblico, e voce di quei giovani hanno che hanno idee lontane dalla tradizione sui temi come fama, rispetto, amore, famiglia e orientamento sessuale.[nggallery id=29]

ore 16.30

Lost in the Crowd

di Susi Graf (USA 2009) 75’ v.o. inglese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Un toccante documentario che segue un gruppo di giovani, transgender e omosessuali, che vivono come senzatetto nelle strade di New York. Questi ragazzi e ragazze ci parlano sia della dura realtà della loro vita che dei sogni e delle speranze che gli permettono di andare avanti. Una forte denuncia sociale di un fenomeno che solo a NYC riguarda oltre 20,000 giovani.[nggallery id=20]

ore 17.45

One of Seven

di Goel Pinto (Israele 2010) 50’ v.o. israeliano cpn sott. inglese/italiano (In Anteprima Nazionale)
Un viaggio affascinante attraverso i momenti più importanti della vita del giornalista e critico cinematografico Goel Pinto. Goel, è nato in una famiglia ebrea sefardita, ‘uno di sette’ figli, nella città ultraortodossa di Bnei Brak. Rivevendo i ricordi della sua infanzia, il regista, insieme a sua madre Monique, toglie gli strati del suo passato, arrivando alla radice di quella mancanza d’identità che lo accompagna da sempre nel tentativo di riconciliare gli aspetti diversi che formano il suo essere: la religione, l’etnicità, l’omosessualità e il ricordo dell’olocausto.[nggallery id=46]

ore 18.45

Miwa: a Japanese Icon

di Pascal-Alex Vincent (Giappone 2011) 65’ v.o. giapponese/francese con sott. italiano
Miwa Akihiro, per oltre cinquant’anni uno dei protagonisti del mondo dello spettacolo giapponese: cantante, attore, intrattenitore televisivo, drag queen, scrittore, compositore, icona gay e tanto altro. Il documentario di Pascal-Alex Vincent affianca al racconto della rutilante carriera artistica di Miwa quello del suo impegno di attivista dei diritti gay, in un paese pieno di contraddizioni come il Giappone. Alla presenza del regista.[nggallery id=21]

ore 21.00

The Flower Bud

di Shumona Banerjee (India 2010) 11’ v.o. indiano con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Una giovane prostituta transgender, Kusum, si prepara per una notte come tante altre ma proprio in quel momento entra Purab, un insegnante di letteratura inglese, senza lavoro, ossessivo, deciso a suicidarsi, senza la minima conoscenza della lingua locale, con la speranza di passare la sua ultima notte con una ragazza. Riusciranno mai questi due improbabili compagni ad avere un rapporto?[nggallery id=12]

Week End

di Andrew Haigh (UK 2011) 96’ v.o. inglese con sott. italiano 
L’incontro occasionale di una notte che si prolunga per tutto il weekend e diventa molto di più. Una storia non convenzionale di sesso, intimità, emozioni e amore tra due uomini molto diversi tra loro che cercano di dare un senso alle proprie vite. Un forte sentimento potrebbe cambiare entrambi.[nggallery id=39]

ore 23.00

Hannah and the Hasbian

di Gordon Napier (Australia 2011) 73’ v.o. inglese con sott. italiano
Breigh vuole rompere la relazione con Hannah, non per qualcosa che Hannah abbia fatto ma perchè vuole diventare etero. Hannah è estremamente arrabbiata per questo, non solo perchè significa la fine del rapporto con la sua anima gemella ma perchè ha rinunciato a tutto nella sua vita per stare con Breigh: la sua famiglia, il suo lavoro e la sua religione. Ma diventare etero non è così facile come Breigh pensava![nggallery id=43]
Torna su (TOP)

 Domenica 27 novembre

ore 15.00

Camminando verso

di Roberto Cuzzillo (Italia 2011) 75’ v.o. italiano
Antonia e Emina vorrebbero amarsi fino in fondo, ma la vita porterà quest’ultima a scontrarsi con un misterioso uomo bosniaco che la costringerà a fare i conti con ciò che le sembra impossibile lasciarsi alle spalle. Alla presenza del regista.[nggallery id=47]

ore 16.30

Gen Silent

di Stu Maddux (USA 2010) 63’ v.o. inglese con sott. italiano
La generazione che ha combattuto più duramente per la nostra visibilità si trova oggi a dover affrontare serie difficoltà per sopravvivere e sembra tornare indietro di decenni. Oggi le persone anziane glbt hanno paura della discriminazione, del bullismo e degli abusi, tanto che stanno tornando a nascondersi per poter vivere tranquillamente. Solo grazie al supporto della comunità e alla rete di volontariato ritrovano il senso delle lotte civili degli anni ’60 e ’70. Un forte e commovete messaggio ai giovani lbgt di oggi perché non dimentichino.[nggallery id=15]

ore 17.45

Orchids: My Intersex Adventure

di Phoebe Hart ( USA 2010) 63’ v.o. inglese con sott. Italiano (In Anteprima Nazionale)
La regista Phoebe Hart racconta in questo suo viaggio alla scoperta di sé stessa il suo tentativo di riconciliarsi con un passato fatto di silenzi e verità taciute, rompendo l’isolamento familiare che ha circondato da bambina la sua condizione di intersessuale. Per fare ciò intraprende con la sorella Bonnie, anch’essa intersessuale, un lungo viaggio attraverso il continente australiano per costruire la prima rete di persone intersessuali.[nggallery id=24]

ore 19.00

The Night Watch

di Richard Laxton ( UK 2011) 90’ v.o inglese con sott. Italiano
L’adattamento di Paula Milne del romanzo The Night Watch di Sarah Waters racconta a ritroso nel tempo la storia di tre giovani donne londinesi le cui vite, profondamente intrecciate tra loro, sono rimaste segnate dalla tragedia della Seconda Guerra Mondiale.[nggallery id=33]

ore 21.00

Frida e Anita

di Liz Rosenfeld (Germania 2010) 20’ v.o. tedesco con sott. italiano
Berlino, 1924. La vita notturna nella Repubblica di Weimar e l’incontro immaginario tra Frida Kahlo e la scandalosa ballerina Anita Berber. Alla presenza della regista[nggallery id=14]

Leading Ladies

di Erika Randall Beahm e Daniel Randall Beahm (USA 2010) 102’ v.o. inglese con sott. italiano
Sheri, madre ambiziosa e dispotica di due figlie, una volta era la più bella campionessa di ballo. Ora, quarantenne, vive la sua passione attraverso la sua figlia più giovane, Tasi. La figlia più grande, Toni, fa praticamente da tappezzeria quando non deve sostenerle entrambe. Quando Tasi annuncia di essere incinta, la disperazione della madre Sheri si risolve solo con la riluttante decisione di assegnare il ruolo a Toni per vincere l’imminente competizione di danza. Ma Toni ha un’idea tutta sua di chi deve condurre le danze… Alla presenza del regista.[nggallery id=17]

ore 23.00

Cruising…a casa mia!

di Alessandro Baldinotti

Bite Marks

di Mark Bessenger (USA 2011) 98’ v.o. inglese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Il camionista Brewster si fa carico di portare a termine una consegna inizialmente assegnata al fratello: un carico di bare da trasportare alla sede di un’azienda di pompe funebri. Durante il viaggio, per combattere il sonno incombente, carica a bordo Cary e Vogel, una coppia gay in crisi. Nel mezzo della notte il trio scoprirà che le bare sono piene di vampiri assetati di sangue: dovranno lottare per la loro vita nell’attesa che giunga la mattina…[nggallery id=4]
Torna su (TOP)

 Lunedì 28 novembre

ore 14.30

Da Kings

di Kenneth Elvebakk (Norvegia 2010) 58’ v.o. norvegese con sott. italiano
Il primo gruppo di drag king norvegese potrebbe aprire la strada ad una forma d’arte relativamente nuova nel paese. Ma c’è qualcosa che non va: ci sono disaccordi, incomprensioni, gelosie che non c’entrano nulla con lo spettacolo che intendono metter su. Un onesto, quasi crudele, docu-fiction che testimonia un fallimento ma forse anche una possibile rinascita.[nggallery id=6]

ore 15.30

Yo Soy Asì

di Sonia Herman Dolz (Olanda 2000) 97’ v.o. spagnolo/catalano con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Questo toccante documentario racconta, attraverso i ricordi di un gruppo di attempate Drag Queern, gli ultimi giorni di vita del ‘Bodega Bohemia’, locale situato nell’antico quartiere Raval di Barcellona, noto per il suo cabaret di travestiti e chiuso nel 1998, dopo 104 anni di storia, in seguito alla morte dell’ultimo proprietario.[nggallery id=41]

ore 17.15

More Than A Friend

di Debalina Majumder (India 2010) 24’ v.o. indiano con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
La crescente consapevolezza riguardo le relazioni omosessuali in India attraverso le vite di Ruspa, una regista, e dellla sua ragazza Ranja, un’insegnante di college. Con interviste reali a persone di diversa estrazioen sociale, che esprimono i loro punti di vista su molti aspetti, condividendo le loro esperienze di umiliazione e ansia.[nggallery id=23]

365 without 377

di Adele Tulli (Italia 2011) 53’ v.o. inglese con sott. italiano
Tre personaggi, Beena, Pallav e Abheena viaggiano attraverso la città di Bombay per raggiungere le celebrazioni del primo anniversario dello storico verdetto della Corte Suprema di Dehli che il 2 luglio 2009 ha cancellato l’articolo 377 del Codice Penale Indiano che, imposto dagli inglesi nel 1860. L’India celebra dopo decenni di lotta la sua Stonewall. Alla presenza della regista.[nggallery id=2]

ore 19.00

The Lady is dead

di Roy Raz ( 2010) 4.39’ (In Anteprima Nazionale)
Un’opera video che non nasce come videoclip commissionato per la canzone In this shirt degli Irrepressibles, che è stata semplicemente scelta dal regista per accompagnare le immagini. Un filmato onirico e surreale, con un forte impatto estetico, avente per fulcro l’amore omosessuale.[nggallery id=44]

Too Much Pussy

di Emilie Jouvet (Francia, Germania 2010) 80’ v.o. inglese con sott. italiano
Sette artiste si spostano a bordo di un caravan in giro per l’Europa, per mettere in scena uno spettacolo alternativo che unisca scrittura, musica, attualità e sesso dal vivo, coinvolgendo anche il pubblico… Non mancano le riflessioni artistiche e politiche che completano questo accattivante manifesto politico femminista e sex-positive. Alla presenza della regista[nggallery id=36]

ore 21.00

Amen

di Udhajit Bagchi e Ranadeep Bhattacharyya (India 2010) 24’ v.o. indiano con sott. italiano
(In Anteprima Nazionale)
Il mondo del Web porta i due protagonisti, Andy e Harry, ad incontrarsi in un pomeriggio casuale. Ma questo appuntamento di sesso prende una piega inaspettata e le interazioni tra Andy e Harry vanno al di là del piacere fisico,portando alla luce domande che necessitano una risposta, verità che devono essere accettate e una vita che vuole essere considerata.[nggallery id=3]

Fyra År Till – Four More Years

di Tova Magnusson (Svezia 2010) 87’ v.o. svedese con sott. italiano
In collaborazione con lo Swedish Film Insitute
Il quarantenne sposato David, promettente leader del partito liberale che contro ogni apsettativa ha appena perso le elezioni, si sente attratto da un suo collega dell’opposizione socialdemocratica, consigliere personale del nuovo Primo Ministro. Coming out, matrimonio, fazioni politiche opposte condiscono questa brillante commedia gay. Alla presenza della regista.[nggallery id=13]

ore 23.00

I Won’t Let Go

di Roy Raz (2011) 4’ (In Anteprima Nazionale)
L’assurdo mondo ultrastilizzato del regista, popolato da personaggi-modelli in interni sofisticatissimi e in esterni fortemente artificiali, illustra la costruzione chirurgica di un corpo femminile con forature inquietanti, alternandola a enigmatici tableau vivant che ibernano i performer e a scorci outdoor che culminano in una meravigliosa pioggia di pasticcini. Alla presenza del regista[nggallery id=45]

Spork

di J.B. Ghuman Jr. (USA 2010) 86’ v.o. inglese con sott. italiano
Il musical degli outsider. Irriverente, scorretto e nerd, il film è la storia di una outsider tredicenne e interssessuale che vive nella roulotte col fratello e la sua amante. Arrivata nella sua scuola, Spork (il cui nome è l’incrocio tra “spoon”, cucchiaio, e “fork”, forchetta, ma che non funziona bene né come l’uno né come l’altra) verrà subito bersagliata da bulli. Una storia di riscatto, frizzante e coloratissima, intrisa di stranezze e humour nero.[nggallery id=30]
Torna su (TOP)

 Martedì 29 novembre

ore 14.30

Palermo oder Wolfsburg

di Werner Schroeter (Germania 1980) 170’ v.o. italiano, siciliano, tedesco In collaborazione con il Goethe-Institut Mailand
Storia di emigrazione, attualissima nelle tra parti in cui il film è diviso: la prima in una Sicilia strozzata dalla connivenza tra mafia e chiesa cattolica; la seconda sull’emarginazione sfociata in violenza vissuta dal giovane protagonista arrivato in Germania; la terza, il processo per omicidio, in cui il vero imputato è l’esclusione e la mancata interculturalità.[nggallery id=25]

ore 17.30

I Am A Women Too

di V. Ramanathan (India 2009) 10′ v.o. indiano con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Selvi è una esperta di software. Il suo capo e i suoi colleghi non sono cordiali con lei perchè sostengono che la loro compagnia l’abbia posta sotto il loro programma ‘Responsabilità Sociale d’Impresa’ poichè è una transessuale. Selvi decide di continuare per la propria strada e combattere contro i pregiudizi sul suo posto di lavoro.[nggallery id=48]

The Sisterhood

di Roger Horn (Sud Africa 2010) 74’ (In Anteprima Nazionale)
I braccianti del ‘Hazendal Wine Estate’, Pietie, Hope e Rollie non sono i tipici braccianti vinicoli sudafricani. Hope aspira a vincere il concorso locale per drag queen, Rollie sogna un marito e di conservare la corona di drag queen mentre Pietie lotta con la sua educazione religiosa mentre è ossessionato dalle rose, dai polli e dai piccioni. Un’incrdibile storia di orgoglio e accettazione dal Sud Africa del dopo Apartheid.[nggallery id=34]

ore 19.15

El Muro Rosa

di Enrique del Pozo e Julian Lara (Spagna 2010) 55’ v.o. spagnolo con sott. italiano
La memoria storica delle torture, persecuzioni e morti dei gay e delle lesbiche in Spagna durante la dittatura di Franco è lo spunto per raccontare la discriminazione e l’omo-transfobia nel resto del mondo. I protagonisti di quell’epoca rievocano i tempi nei quali essere gay costituiva un crimine e la Chiesa si mostrava del tutto indifferente ma anche il mondo del cinema (o della moda) rimaneva in silenzio. Alla presenza del regista.[nggallery id=10]

ore 21.00

Mila Caos

di Simon J. Paetau (Cuba, Germania 2010) 18’ v.o. spagnolo sott. italiano
Ogni fine settimana ad uno spettacolo drag illegale nei sobborghi dell’Havana, Sebastiàn, un diciassettenne cubano, si trasforma in ‘Mila Caos’. Soffre per l’indifferenza della madre e sogna che un giorno lei lo veda sul palco.[nggallery id=49]

Apflikorna – She Monkeys

di Lisa Achan (Svezia 2011) 83’ v.o. svedese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale) In collaborazione con lo Swedish Film Insitute
Quando Emma e Cassandra si conoscono, iniziano una relazione piena di sfide fisiche e psicologiche, Emma fa di tutto per padroneggiare le regole del gioco. Le linee sono incrociate e la posta in gioco da ottenere è sempre più alta. Nonostante questo, Emma non può resistere alla sensazione inebriante del controllo totale.[nggallery id=27]

ore 22.45

Allt flyter – The Swimsuit Issue

di Måns Herngren (Svezia 2009) 102’ v.o. svedese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale) In collaborazione con lo Swedish Film Insitute
Dopo un selvaggio addio al celibato e una sconfitta atroce a hockey, Fredrik, disoccupato, aspirante atleta fuori tempo massimo, scopre la sua passione e talento per il nuoto sincronizzato. Sogna presto di competere con i suoi amici per l’oro come unica squadra maschile svedese al campionato del mondo a Berlino. Commedia perdente, sull’amicizia maschile, sul sessismo e sugli stereotipi di genere, sulla discriminazione alla rovescia e sulle difficili relazioni familiari.[nggallery id=35]
Torna su (TOP)

 Mercoledì 30 novembre

ore 14.30

Diese Nacht

di Werner Schroeter (Germania 2008) 118’ v.o. tedesco con sott. Italiano In collaborazione con il Goethe-Institut Mailand
Una notte per trovare una verità che sfugge al tempo. A Santa Maria, una città assediata e sospesa tra la vita e la morte, Ossorio, l’eroe di un movimento di resistenza fallito cerca i suoi ex amici e le persone a lui care. Ma non solo la città è cambiata, lo sono anche i suoi amici: e mentre una milizia senza controllo terrorizzata la città, ognuno cerca di salvare solo la propria pelle. E per farlo non resta che quell’ultima nave che salperà all’alba.[nggallery id=8]

ore 16.30

Çürük – The Pink Report

di Ulrike Böhnisch (Germania 2010) 52′ v.o. tedesco con sott. italiano
Questo coraggioso documentario espone uno dei più grandi tabù di un paese alle soglie dell’Europa, raccogliendo le testimonianze di giovani turchi, costretti a nascondere i loro volti, per la mancanza di libertà di parola. Ulrike Böhnisch racconta le storie di uomini gay che, rispetto al servizio militare, si trovano a fare scelte completamente diverse e dagli esiti spesso inaspettati.[nggallery id=5]

ore 17.45

East Bloc Love

di Logan Mucha (Australia 2011) 70’ v.o. inglese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Il giovane Sergey è un attivista gay della Bielorussia che ha subito violenze da parte della polizia e dalle teste rasate. Quando il suo fidanzato viene sparato al confine, inizia la sua lotta per l’uguaglianza gay. Per le strade della capitale, Minsk, Sergey e alcune coppie di attivisti coraggiosi mostrano il loro orgoglio contro l’ultima dittatura in Europa. Mucha segue questi coraggiosi combattenti per la libertà durante la preparazione del Pride Slavo, il primo Pride organizzato in Bielorussia.[nggallery id=9]

ore 19.00

Ångrarna – Regretters

di Marcus Lindeen (Svezia 2010) 60’ v.o. svedese con sott. italiano In collaborazione con lo Swedish Film Insitute e il GenderDocu Filmfest
Orlando e Mikael sono nati uomini, hanno cambiato sesso e ora vorrebbero non averlo mai fatto. Seduti l’uno di fronte all’altro, si raccontano le proprie vite, fatte di crisi, scelte, difficoltà e soprattutto errori… proprio come le nostre.[nggallery id=26]

ore 21.00

In The Closet

di Mathew Menacherry e Miriam Chandy Menacherry (India 2010) 6′ v.o. indiano con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Un romantico appuntamento a mezzogiorno, buon vino, rose rosse, candele e seta. L’eccitazione cresce fino al momento in cui alcune verità usciranno dall’armadio.[nggallery id=16]

The Green

di Steven Williford (USA 2010) 90’ v.o. inglese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Michael e Daniel, una felice coppia gay, si sono trasferiti da New York in una bucolica cittadina del Connecticut nella speranza di poter condurre una vita tranquilla immersi nel verde. Michael lavora come insegnante dichiarato nella progressista scuola superiore privata del posto. Il suo partner David gestisce un piccolo ristorante. Il loro motto “Don’t speak up, don’t make trouble” sarà messo a dura prova quando la denuncia del patrigno di uno studente mette Michael in guai grossi.[nggallery id=32]

ore 22.30

So Hard To Forget

di Malu De Martino (Brasile 2010) 100’ v.o. portoghese con sott. italiano
Julia un’insegnante di letteratura inglese di trentacinque anni che sta scrivendo un saggio su Cime tempestose di Emily Brontë, in seguito alla fine della sua lunga storia d’amore con Antonia, si abbandona ad un periodo tormentato e disperato. La sua vita e i suoi valori si tingono di un’insopportabile malinconia, che le rende difficile un ritorno alla vita normale. Insieme al suo amico gay fuggono dalla città e si trasferiscono in riva all’oceano dove comparirà Helena, una donna che le suscita nuove emozioni e forse riuscirà a salvarla.[nggallery id=28]
Torna su (TOP)

 Giovedì 1 dicembre World AIDS Day 2011

ore 15.00

Un Año Sin Amor

di Anahí Berneri (Argentina 2005) 95’ v.o. spagnolo con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Un giovane scrittore, Pablo, affetto da Aids combatte giorno dopo giorno contro la sua malattia. Quando scopre che probabilmente non avrà più di un anno di vita inizia a scrivere un diario. Non ha l’ambizione di scrivere un’opera letteraria, ma vuole invece riflettere e scoprire in quale direzione la sua condizione lo stia portando. Il sesso rimane forse la cosa che più lo fa sentire vivo e quando inizia ad avventurarsi in pratiche sadomaso scopre il profondo legame tra paura e desiderio.[nggallery id=37]

ore 16.45

Let Yourself Go: The Lives of Jazz Pianist Fred Hersch

di Katja Duregger (Germania 2007) 30’ v.o. tedesco con sott. Italiano (In Anteprima Nazionale)
Il newyorkese Fred Hersch è uno dei migliori pianisti e compositori jazz della sua generazione. Oggi 57 anni, è sieropositivo da oltre venti anni. La sua malattia è progredita in AIDS solo pochi anni fa. E ‘stato uno dei primi musicisti Jazz a dichiararsi pubblicamente come gay e come sieropositivo. Hersch parla apertamente della sua vita, della sua carriera con i suoi alti e bassi e della sua musica – la forza vitale che gli permette di convivere con la sua malattia.[nggallery id=18]

ore 17.15

We Were Here

di David Weissman (USA 2010) 90’ v.o. inglese con sott. Italiano
Sul filo della memoria condivisa, cinque intense testimonianze di “sopravvissuti” ripercorrono la straziante storia dell’avvento dell’Aids a San Francisco, la città che, per prima, affrontò la piaga e reagì. I risvolti politici e umani che condussero la comunità lgbt a prendere coscienza a organizzarsi, un commosso tributo ad una generazione di vittime ed eroi che lottò contro tutto e contro tutti, arricchito da materiale d’epoca (foto e super8) davvero eccezionale.[nggallery id=38]

ore 18.45

Together

di Zhao Liang (Cina 2011) 83’ v.o. cinese con sott. italiano (In Anteprima Nazionale)
Together girato “dietro le quinte” del film “Life is a Miracle” di Gu Changwei, esplora la discriminazione di cui sono oggetto i malati di AIDS in Cina. Con ‘Together’ il regista Zhao Liang si è posto l’obiettivo di promuovere il processo di comprensione del problema AIDS, cosi da migliorare la situazione dei malati, mostrando al pubblico l’esistenza di una grossa comunità di persone con AIDS e le loro condizioni di vita.[nggallery id=42]

ore 20.30

Proiezione dei cortometraggi del Concorso Videoqueer e “Se hai testa fai il Test”

Ecco a voi i VideoQueer selezionati per l’edizione 2011

– The Hiv Test di Roberta Orlando
– Scegli il packaging giusto di Giuliana Di Grusa
– Senza Testa di Andrea Braghiroli
– Il giocatore di Emanuele De Caro
– Aids di Stefano Poggioni
– The last calling di Thomas Alberti
– Paracondom di Maria Grech
– Peccato Originale di Serena Goracci
– Jo Guitar di Camilla Bartolini
– Alone di Russell Sheaffer
– The new experience di Gino Vivabene
– è bella chi si ribella di Silvia Novelli

Padrini della serata I Gaga Bears che per l’occasione presenteranno il loro primo videoclip.

ore 21.30

Cerimonia di Premiazione Videoqueer e Premio Speciale “Se hai testa fai il Test”.

Interviene l’assessore del diritto alla Salute della Regione Toscana Daniela Scaramuccia

ore 22.00

Life, Above All

di Oliver Schmitz (Sud Africa, Germania 2010) 100’ v.o africano con sott. italiani
La dodicenne Chanda è una giovane e promettente studentessa, ma la sua vita cambia drammaticamente quando la sorellina Sarah muore inaspettatamente. Affranta, la madre di Chanda, Lillian, a sua volta si ammala gravemente. Il suo patrigno si annega nell’alcool, lasciando la ragazza a prendersi cura dei due fratelli più piccoli. Nel frattempo, nella comunità cominciano a diffondersi sospetti e pettegolezzi sulla misteriosa malattia di sua madre e con la morte della sorella, le domande di Chanda non trovano risposte ma solo un ostinato silenzio. Non riuscendo più a sopportare il peso del segreto, Chanda decide di sfidare il tabù più profondo e radicato….[nggallery id=19]


Infoline: 347 8553836 – Ireos: 055 216907
info@florencequeerfestival.it


Biglietti:
Pomeridiano: € 6, ridotto € 5 (miniabbonamento per tutte le proiezioni dalle 15 alle 20)
Serale: € 7, ridotto € 6 (miniabbonamento per tutte le proiezioni dalle 20.30 in poi)
Giornaliero: € 10, ridotto € 8
Abbonamento: € 50

Riduzioni per soci: IREOS, ARCILESBICA, ARCI, COOP, CONTRORADIO CLUB e STUDENTI

2017-03-24T11:50:42+00:00